In collaborazione con Astronomia.com presentiamo un appuntamento mensile dedicata alle COMETE visibili nel nostro emisfero.

Parleremo ovviamente di tutte quelle comete che possono essere osservate sia visualmente (magari con l’ausilio di un binocolo), sia (soprattutto oserei dire) a livello di fotografia astronomica dato che la magnitudine che “accompagna” questi importantissimi oggetti è talvolta effimera e ostica.

Seguiremo, nel corso del mese, l’evolversi delle effemeridi con la loro posizione apparente nel cielo direttamente in questo thread così da averlo sempre aggiornato e a disposizione di tutti i lettori del portale.

Il nostro appuntamento dedicato alle comete visibili o fotografabili dai nostri cieli e alle nostre latitudini vede questo mese una bella novità con una nuova e molto probabilmente “luminosa” cometa, la C/2019 Y4 ATLAS; quelle già note invece, continuano come da previsioni a rafforzare la loro magnitudine e a rendersi molto molto interessanti; seguiremo quindi la T2 Panstarrs, la C/2019 Y1 ATLAS e la C/2020 A2 Iwamoto.

La cometa più “luminosa” del mese rimane la C/2017 T2 PANSTARRS con la sua magnitudine di +8.9 e raggiungerà presumibilmente la magnitudine 8 per questa primavera, segue la C/2019 Y1 ATLAS a +9.7 e la C/2020 A2 IWAMOTO a +10.6; ma la vera novità, come già accennato, è la C/2019 Y4 ATLAS che promette per la fine di maggio di arrivare addirittura alla magnitudine +5, la terremo sott’occhio.

Andiamo a scoprirle insieme…

 

C/2017 T2 PANSTARRS

Scoperta, come spesso accade, dal sistema esplorativo astronomico Pan-Starrs (Panoramic Survey Telescope & Rapid Response System) delle Hawaii la cometa ha un periodo enorme di oltre 624.650 anni e quest’anno raggiungerà il perielio il 4 maggio 2020 a 1.52 Unità Astronomiche, dalla Terra il giorno di maggiore vicinanza è stato il 29 dicembre 2019.

Il 19 marzo Maik Meyer l’ha osservata a +8.8 con un aumento di 0.2 magnitudini dall’ultimo mese ma si prevede possa arrivare a raggiungere i +8.3 nella primavera.

Nei mesi di marzo/aprile la cometa transiterà tra le costellazioni di Cassiopea e Giraffa…

Da tenere sott’occhio la sua traiettoria dato che tra il 6 e il 13 del mese di marzo la cometa passerà vicinissima alla nebulosa Cuore

TRAIETTORIA APPARENTE

CURVA DI LUCE

 

C/2019 Y1 ATLAS

Cometa non periodica scoperta il 16 dicembre 2019 dal progetto di ricerca ATLAS. Gli elementi orbitali di questa cometa sono alquanto simili a quelli delle comete C/1988 A1 Liller, C/1996 Q1 Tabur e C/2015 F3 SWAN: questa somiglianza ha fatto ipotizzare che abbiano tutte un’origine comune, la frammentazione, forse avvenuta oltre 3.000 anni fa, di una preesistente cometa e che altre comete con orbite similari possano essere scoperte nei prossimi anni. È probabile che quando il periodo di osservazione avrà raggiunto i due-tre mesi anche questa cometa risulterà una cometa a lungo periodo come le sue consorelle (fonte Wikipedia).

Il 19 marzo Maik Meyer l’ha osservata a +7.9 con un incremento incredibile di ben 3.4 magnitudini dall’ultimo mese rendendo questa cometa tra le più luminose del cielo boreale.

Nei mesi di marzo/aprile la cometa si muoverà all’interno delle costellazioni di Andromeda e Cassiopea e sarà visibile solo nella prima parte della notte.

TRAIETTORIA APPARENTE

CURVA DI LUCE

 

C/2019 Y4 ATLAS

Promettente cometa scoperta il 28 dicembre 2019 dal progetto di ricerca ATLAS (Asteroid-Terrestrial-Impact Alert Sistem) che dovrebbe raggiungere a fine maggio il perielio a 0.25 unità astronomiche dal Sole; dai primi elementi orbitali sembra essere un frammento della Grande Cometa del 1844.

Vista la sua enorme eccentricità la cometa ha un periodo orbitale di ben 5475 anni. Si presume che potrebbe arrivare a toccare la magnitudine +5 per la metà di maggio,il che diverrebbe una cometa visibile anche a occhio nudo.

Il 19 marzo Maik Meyer l’ha osservata a +7.9

Nei mesi di marzo e aprile la cometa transiterà all’interno delle costellazioni dell’Orsa Maggiore, Lince e Giraffa sfiorando numerosi oggetti deep sky

TRAIETTORIA APPARENTE

CURVA DI LUCE

 

Immagini ed info tratti da aerith.net: Copyright (C) Seiichi Yoshida ([email protected]) e da theskylive.com