Nel mese di LUGLIO 2017 proseguiremo col parlare delle comete che ci hanno accompagnato in tutto il periodo primaverile e che continueranno a farlo anche in questo inizio estate, dato che, almeno ad oggi, non vi sono all’orizzonte comete che possano destare la nostra attenzione almeno nel breve periodo.

Ci terremo quindi ben stretta la C/2015 V2 JOHNSON che, come detto anche nel numero di GIUGNO sarà la più “luminosa” nei nostra cieli e la più “semplice” da individuare anche in orari comodi. Proseguiremo con una new entry, la 71P Clark, visibile anch’essa in prima serata e chiuderemo l’osservazione cometaria nella seconda parte della notte sempre una nostra vecchia conoscenza, la C/2015 ER61 PANSTARRS che si sta lentamente ma inesorabilmente affievolendo.

Come anticipato, la cometa più importante di questo mese, almeno sotto l’aspetto della magnitudine, è la C/2015 V2 JOHNSON, visibile nella primissima parte della serata e bassissima ma con una magnitudine non impossibile, che sta raggiungendo proprio in questi giorni il picco di luminosità che si attesta a +7.2.

La 71P CLARK è la new entry di questo mese ma, come già accennato, sarà anch’essa molto bassa e visibile solo nella prima parte della notte. Transiterà in piena costellazione dello Scorpione e sempre vicino a riferimenti stellari luminosi che semplificheranno la sua individuazione, anche se non raggiungerà mai magnitudini “importanti”, in questo mese infatti la troviamo a +10.2.

Chiudiamo la carrellata con la C/2015 ER61 PANSTARRS che sarà la cometa con la maggiore finestra di osservabilità del mese, visibile poco dopo la mezzanotte e fino all’alba con una magnitudine di circa +8.6.

Ricordiamo che anche queste mese tutte le comete proposte saranno telescopiche!

Andiamo a scoprirle insieme…


C/2015 V2 JOHNSON 

Scoperta il 3 novembre 2015 da J.A. JOHNSON dal programma CATALINA, usando un telescopio Schmidt da 68cm, la cometa era della magnitudine +17 e si trovava nella costellazione della Lince.

Si ripongono molte aspettative su questa cometa dato che si conta di raggiungere la magnitudine +7 (al limite dall’osservabilità ad occhio nudo) durante l’estate 2017, quando sarà molto vicina alla stella 109 Virginis.

Ha Raggiunto il perielio a 1,63 UA il 12 giugno 2017 mentre la minima distanza dalla Terra è avvenuta il 5 giugno 2017 a oltre 121,000,000 di km

Il 14 giugno J.J.Gonzalez l’ha stimata a +7.2, in leggera sottostima rispetto alle precedenti previsioni di luminosità ma comunque in incremento luminoso dallo scorso mese.

Nel mese di luglio possiamo rintracciare la cometa tra le costellazioni della Vergine e dell’Idra e sarà visibile nella prima parte della notte.

TRAIETTORIA APPARENTE


CURVA DI LUCE


71P / CLARK

Scoperta il 9 giugno del 1973 da Michael Clark dal Mount John University Observatory quando essa si trovava alla 13° magnitudine, è una cometa periodica dal periodo orbitale di 5.5 anni che raggiunge il perielio a 1.56 UA.

Il 14 giugno J.J. Gonzalez l’ha osservata a +10.4 e nel mese di luglio transiterà apparentemente nella costellazione dello Scorpione.

TRAIETTORIA APPARENTE

 

CURVA DI LUCE


C/2015 ER61 PANSTARRS

Cometa atipica questa PANSTARRS, classificata cometa solo il 30 gennaio 2016 quando si trovava a “soli” 5,7 UA dal Sole, era prima considerata un planetoide della famiglia del Centauro.

Un passaggio piuttosto ravvicinato con il pianeta Giove ha variato la sua orbita in maniera sostanziale direzionandola verso il Sole con una eccentricità del 99,99%; è probabile che nel tempo perderemo le tracce di questa cometa dato che l’afelio è calcolato a circa 1200 UA.

Scoperta il 15 marzo 2015 dal progetto PANSTARRS quando era di magnitudine +21,5, il 4 aprile 2017 raggiungerà il perielio con la Terra a circa 1,42 UA

Il 3 giugno Marco Goiato l’ha osservata ad una magnitudine di +8,6, valore molto inferiore allo scorso mese dove perde una magnitudine netta.

Nel mese di luglio transiterà nelle costellazioni dell’Ariete e del Toro, quindi sarà visibile poco prima dell’alba bassa sull’orizzonte.

TRAIETTORIA APPARENTE


CURVA DI LUCE


Immagini ed info tratti da aerith.net: Copyright (C) Seiichi Yoshida ([email protected]).