Il mese di OTTOBRE 2017 porterà un piccolo scossone nelle comete proposte, almeno rispetto a quelle di cui abbiamo parlato nel mese di SETTEMBRE, che poi sono state per buona parte anche quelle che ci hanno accompagnato per tutta l’estate.

Abbandoniamo definitivamente la 71P/CLARK ormai quasi del tutto inosservabile, bassa a ovest al crepuscolo serale di ottobre e portiamo all’attenzione la C/2017 O1 ASASSN che sarà la cometa più interessante per luminosità e posizione. La troviamo infatti a +8.6, transitante nella costellazione del Perseo.

A seguire, ancora la C/2015 ER61 PANSTARRS, una nostra “vecchia” conoscenza, visibile tutta la notte come la appena citata Asassn, nella costellazione del Toro con una buona luminosità di +10.8.I

Infine porteremo all’attenzione una new entry nella nostra rubrica che è la 29P/ SCHWASSMANN-WACHMANN, visibile nella prima parte della notte con una luminosità difficile di +11.3 nella costellazione del Capricorno!
Ricordiamo che anche queste mese tutte le comete proposte saranno telescopiche!
Andiamo a scoprirle insieme…

C/2017 O1 ASASSN
Scoperta il 19 luglio da progetto di ricerca di supernove All Sky Automated Survey for Supernovae (ASAS-SN) da Jose Prieto quando la cometa si trovava ad una magnitudine di circa +11, in rapido avvicinamento all’interno del Sistema Solare ha guadagnato circa 2 magnitudini in poco più di un mese, un vero record.

Il 1 settembre J.J. Gonzalez l’ha osservata a +8.6 ma si prevede possa arrivare ad una magnitudine di +7.5.
Nel mese di ottobre, e più precisamente il giorno 8 la C/2017 O1 transiterà in congiunzione strettissima con l’ammasso aperto NGC 1582 di magnitudine +7.

TRAIETTORIA APPARENTE

 

CURVA DI LUCE

 

C/2015 ER61 PANSTARRS

Cometa atipica questa PANSTARRS: classificata cometa solo il 30 gennaio 2016 quando si trovava a “soli” 5,7 UA dal Sole, era prima considerata un planetoide della famiglia del Centauro.

Un passaggio piuttosto ravvicinato con il pianeta Giove ha variato la sua orbita in maniera sostanziale direzionandola verso il Sole con una eccentricità del 99,99%, ed è probabile che perderemo le tracce nel tempo di questa cometa dato che l’afelio è calcolato a circa 1200 UA.

Scoperta il 15 marzo 2015 dal progetto PANSTARRS quando era di magnitudine +21,5, il 19 aprile 2017 ha raggiunto il perielio con la Terra a circa 1,17 UA.

Il 1 settembre J.J.Gonzalez l’ha osservata ad una magnitudine di +10.8, valore praticamente identico allo scorso mese dove perde solo lo 0.1 magnitudine.

A circa metà giugno è stato osservato un frammento di cometa staccatosi dal corpo principale che ha preso il nome di C/2015 ER61 PANSTARRS B. Ora è circa di magnitudine +17!

 

TRAIETTORIA APPARENTE


CURVA DI LUCE C/2015 PANSTARRS “A”


CURVA DI LUCE C/2015 PANSTARRS “B

 

29P/SCHWASSMANN-WACHMANN

Cometa periodica scoperta da A. Schwassmann e A.A.Wachmann nell’osservatorio di Amburgo il 15 novembre 1925 ma, da alcune immagini fotografiche risalenti addirittura al 1902, la cometa infatti è una cometa periodica di 14.65 anni, si ritiene possa essere un corpo definito centauro che orbita tra i pianeti di Giove e Nettuno e che solo all’avvicinarsi al perielio si formi la caratteristica coda; tale orbita ha portato nel tempo ad una variazione del periodo dagli iniziali 16 anni agli attuali 14.65.

La cometa presenta un comportamento inusuale: solitamente appare come un oggetto della 16ª magnitudine, che in seguito ad episodici outburst può raggiungere rapidamente la 12ª magnitudine. Ciò si ripete all’incirca una volta l’anno e perdura per una o due settimane, dopo le quali la cometa si affievolisce e torna ad apparire come un oggetto della 16ª magnitudine.

L’11 settembre Marco Goiato l’ha osservata ad una magnitudine di +11.3 in transito nella costellazione del Capricorno a “soli” 3.2° dall’ammasso globulare M72!

TRAIETTORIA APPARENTE

 

LA “PAZZESCA” CURVA DI LUCE DEGLI ULTIMI 6 ANNI

 

LA CURVA DI LUCE DEGLI ULTIMI 4 MESI

 

Immagini ed info tratti da aerith.net: Copyright (C) Seiichi Yoshida ([email protected]).