Anche quest’anno siamo arrivati all’appuntamento con la maratona Messier, quest’anno il week end propizio “cade” tra il 17 e il 18 marzo 2018.

MA COSA E’ LA MARATONA MESSIER? 

E’ un appuntamento ben noto nel mondo degli astrofili, soprattutto per quelli che dedicano le loro serate all’osservazione visuale, nonostante tutto per chi si avvicina a questo speciale mondo che è l’astronomia potrebbe essere uno spunto importante per testare la propria bravura nella ricerca di tutti gli oggetti catalogati dal prestigioso astronomo.

L’obiettivo è, come detto, osservare tutti gli oggetti del catalogo Messier (110 oggetti) dalle prime ore del crepuscolo fino alle prime ore dell’alba, inseguire uno ad uno tutti gli oggetti nelle varie costellazioni boreali.

E’ di fondamentale importanza prepararsi il progetto con largo anticipo, vediamo come fare:

  • innanzitutto bisogna scegliere un week end di Luna nuova a cavallo particolarmente propizio per tentare l’osservazione di tutte le costellazioni chiamate in causa. A volte, negli anni più fortunati può capitare di poter contare su due week end utili, quest’anno come detto, potremo contare solo sul 3° week end di marzo!
  • bisogna sperare che il meteo sia clemente, cieli tersi e bui.
  • bisogna valutare bene, anzi benissimo il luogo di osservazione, dato che i primi e gli ultimi oggetti della lista saranno estremamente bassi bisogna saper scegliere un sito senza ostacoli visivi sull’orizzonte.
  • non sottovalutare il fattore stress e freddo…. a marzo in Italia di notte fa ancora molto freddo anche nelle zone più miti come i litorali, tenete conto che il progetto dura tutta la notte e le ore sono molte da passare svegli e spesso in piedi. Copritevi bene testa, piedi e mani, e prediligete abbigliamento largo e caldo. evitate incerate o cose simili.
  • l’alimentazione è fondamentale, portate cibi con calorie e zuccheri ma non troppo pesante da digerire, la digestione porta a sonnolenza e a “problemi vari”, non usate alcoolici e cercate di non fumare.
  • lo strumento…. la sua scelta è fondamentale, le prime maratone si effettuavano esclusivamente con la ricerca a mano, oggi con l’avvento di strumenti GoTo molti utilizzano questa tecnica per semplificarsi la vita… tutto è concesso ma portatevi almeno 2 tipologie diversi di strumenti, uno a largo campo (come un binocolo ad esempio) e uno che offre una maggiore potenziale di ingrandimento.
  • prendete sempre appunti fugaci di ciò che osservate, sarà un bel ricordo…
  • ricordiamoci che la maratona Messier NON ha un senso scientifico ma solo estetico e per puro diletto astrofilo. non badate molto ad appuntare dettagli ma ricordatevi che alcuni oggetti avranno solo pochi minuti per poter essere osservati
  • se un oggetto non lo riuscite ad osservare passate subito all’oggetto successivo, al limite quello tralasciato ci ritornerete dopo.
  • ricordatevi che non è assolutamente detto che riusciate ad osservare tutti i 110 oggetti, anche se siete dei veri GoTo umani…
  • portatevi una sveglia, ci saranno delle soste forzate tra una serie di oggetti e gli altri, approfittate per riposarvi e sonnecchiare, ma ricordatevi anche di alzarvi per la serie di oggetti successivi…

di seguito alcune schede esemplificative di Gabriele Franzo:

 

pdf.pd

per informazioni: [email protected]